Ultima modifica: 22 Novembre 2022

Biblioteca

LA NOSTRA BIBLIOTECA

CONSULTAZIONE ELENCO TESTI

La biblioteca “T. Pazienza” del liceo “Carmine Sylos” si trova ubicata prevalentemente nell’aula magna dell’Istituto. Il patrimonio complessivo della biblioteca è stimato intorno ai 10.000 volumi ed è costituito da diverse raccolte che, per acquisto o per donazione, si sono sviluppate negli anni, di carattere prevalentemente letterario e storico-filosofico, con una presenza importante di scrittori greci e latini, soprattutto nelle serie più antiche. Questo patrimonio comprende anche un fondo antico costituito da alcune decine di edizioni a stampa che risalgono a un periodo compreso tra il 1500 e la metà del diciannovesimo secolo: si tratta di opere per lo più letterarie stampate in Italia, Germania o Svizzera, di cui alcune sono in buono o discreto stato di conservazione.

La storia della Biblioteca si può tracciare partendo dall’Avvertenza preposta al Catalogo redatto da Luigi Sylos negli ultimi anni del 1800. La parte più importante di essa si deve ai Canonici Lateranensi che fondarono l’istituto nel 1823 e ci restarono fino al 1860. Un gran contributo fu dato dal can. D. Pietro Petrini e dai libri dei soppressi conventi dei Domenicani, Cappuccini e Frati Minimi. In questo primo periodo la biblioteca doveva quindi avere carattere eminentemente ecclesiastico: abbondavano opere teologiche, ascetiche, dogmatiche, liturgiche, di diritto canonico, di eloquenza sacra e di storia della Chiesa. Fra le più preziose vi erano le opere di Ss. Padri del III e IV secolo nell’edizione parigina del Caillau (1844), le opere di San Tommaso, di Sant’Agostino, e una ricca collezione di Bibbie. Tuttavia non mancavano opere relative alla scienza profana, per esempio l’edizione dell’Enciclopedia francese in-folio e parecchie opere mediche e filosofiche, come l’Enciclopedia legale del Dias e una raccolta di classici latini con la versione italiana a fronte (ediz. di Venezia).

Segue poi un periodo di decadenza e abbandono: “non consegnata regolarmente ai successivi direttori dell’Istituto, non tenuta in alcuna considerazione dai Consigli amministrativi, fu ventura e non merito di alcuno se in buona parte le opere raccoltevi furono rispettate”, lamenta Luigi Sylos, che registra anche la scomparsa di alcuni volumi non restituiti dopo il prestito. Tra il 1869 e il 1872 ad opera del cav. Pietro Donna, direttore dell’Istituto, la biblioteca si arricchì di molte opere per acquisto. Intorno al 1890 alla biblioteca fu assegnato un sussidio annuale di 150 lire: cifra esigua, ma segnale di un rinnovato interesse da parte del Consiglio di amministrazione.

Nell’estate del 1891 Luigi Sylos si fece promotore di un tentativo per ingrandire la biblioteca in modo da renderla utile non solo all’Istituto ma a tutta la cittadinanza bitontina. Sylos inviò a scrittori ed editori italiani una circolare a stampa firmata dal senatore comunale Rogadeo con cui chiedeva doni di libri. A questa circolare risposero in molti inviando delle pubblicazioni. Un dono notevole giunse dalla disposizione testamentaria dell’architetto Raffaele Comes, il quale, alla sua morte, nel 1891, donò buona parte dei suoi libri alla biblioteca. Nel 1893 il Consiglio dei professori del Liceo provvide alla nomina del bibliotecario e ne diede onore a Luigi Sylos, il quale trovò i libri in gran disordine e cercò di disporli in ordine di materia e redigerne un regolare inventario e uno schedario, da cui ha desunto un Catalogo completo. “Se diamo ad esso un’occhiata sommaria, apparirà manifesto, che parecchi vuoti vanno colmati per portare la biblioteca a tali condizioni, da essere veramente utile agli studiosi” osserva Luigi Sylos nella sua Avvertenza, che così conclude: “alle sorti del luogo in cui si educano i cuori e le intelligenze dei giovani sono intimamente legate le sorti della patria”.

Nel corso del secolo scorso la Biblioteca è stata incrementata incessantemente, ma ha subito anche varie perdite, soprattutto durante il secondo conflitto mondiale. Molte delle sue opere originarie sono custodite attualmente nella Biblioteca Comunale di Bitonto “E. Rogadeo”.

A cura degli alunni della classe III A nell’ambito delle attività di Alternanza Scuola-Lavoro, a. s. 2016/17

Regolamento della Biblioteca

Apertura al pubblico

  • Nel rispetto della normativa anti-Covid, la Biblioteca è aperta unicamente per il servizio prestiti con ingressi scaglionati nelle ore e nei giorni di seguito indicati:

MARTEDÌ – Ore 12.00-13.00

VENERDÌ – Ore 10.00-11.00

  • L’accesso alla Biblioteca e la fruizione dei suoi servizi sono consentiti unicamente a:

alunni, docenti e personale non docente del Liceo Carmine Sylos.

Condizioni e modalità del prestito

  1. Il servizio è erogato dal 10 dicembre 2021 al 10 maggio 2022. È consentito il prestito solo di volumi in buono stato di conservazione.
  2. Non è ammesso il prestito di opere in più volumi, di particolare pregio ed interesse (enciclopedie, dizionari, atlanti, carte geografiche, eventuali periodici, opere non ancora inventariate, testi rari e di particolare valore).
  3. È possibile altresì la consultazione in loco dei libri del fondo raro e prezioso a fini didattici. Tuttavia, nel rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza anti-Covid, non è consentito a gruppi di studenti stazionare nei locali della Biblioteca. I libri saranno pertanto consegnati direttamente al docente interessato, previa richiesta scritta prodotta alla docente responsabile della Biblioteca almeno due giorni prima. Il docente beneficiario del prestito in loco, sotto la sua responsabilità, consulterà i libri con gli alunni nell’aula in cui è allocata la classe e si preoccuperà di restituirli non appena terminata l’attività.
  4. La durata del prestito è di 30 giorni rinnovabili.
  5. Chi restituisce il volume danneggiato o lo smarrisce è tenuto al suo reintegro o al versamento alla Scuola di una somma forfettaria da stabilire in base al valore del libro.

Al momento del prestito:

La responsabile della Biblioteca compila la scheda con titolo e autore del libro, nome, cognome e classe del beneficiario, data del prestito; inserisce la stessa nello spazio vuoto del palchetto.

Al momento della restituzione:

Dopo aver recuperato la scheda dall’armadio, ricolloca il libro nel palchetto secondo l’ordine corretto.

Si coglie l’occasione per ricordare che è possibile consultare un catalogo parziale della nostra dotazione libraria nella sezione dedicata del nostro sito.

Entrata in vigore del Regolamento

Il presente Regolamento sarà vigente per l’intero anno scolastico 2021/22.

Bookcrossing

A partire dal corrente anno scolastico è stato allestito presso il nostro liceo l’angolo del Bookcrossing, una modalità per passare i libri di mano in mano senza prestito e senza acquisto, con l’obiettivo di promuovere e favorire la lettura tra i giovani.

Regolamento

  • Scegliere un libro fra i tanti disponibili nella parte superiore dello scaffale, portarlo a casa gratuitamente e senza nessuna registrazione. Una volta letto è possibile riportarlo per metterlo a disposizione di altri “bookcorsari” o sostituirlo con un altro libro che si desidera condividere.
  • 0gni “bookcorsaro” può partecipare lasciando uno o più libri nello spazio inferiore dello scaffale.
  • La responsabile della Biblioteca d’Istituto provvederà a registrarlo sul sito bookcrossing.com, apponendovi l’etichetta con il codice ID generato all’atto della registrazione. Sarà così possibile seguire il percorso del libro anche fuori dalla nostra scuola.
  • Si può prendere un libro alla volta, avendone lasciato almeno uno.
  • È raccomandabile che i libri lasciati e presi siano in buone condizioni e vengano mantenuti tali.
  • Ogni “bookcorsaro” può lasciare commenti, recensioni e consigli di lettura nella cassettina della posta collocata accanto allo scaffale.
  • Sono esclusi dal bookcrossing testi scolastici, riviste, enciclopedie, guide turistiche.

La Docente responsabile della Biblioteca, prof.ssa Marrone Maria Pia